Festa della Matematica

Da otto anni l’Agnelli partecipa alla Festa della Matematica, evento organizzato dall’Associazione Subalpina Mathesis nei primi giorni di marzo. L’evento si struttura in diversi momenti di carattere divulgativo o di carattere competitivo. La parte divulgativa è legata alle conferenze, che di solito sono tenute da persone di spessore scientifico riconosciuto almeno entro i confini nazionali, e dal “Mercatino delle idee”, una sorta di fiera della scienza a cui le scuole aderiscono realizzando ed esponendo attività ed esperimenti scientifici. Quest’anno il tema scelto dall’Agnelli erano le funzioni. Partendo dall’idea che una funzione descrive una curva generata da un punto, si è passati al concetto di funzione come variazione di una quantità rispetto al tempo. Si è quindi arrivati in modo concreto al concetto di variazione, cardine dei contenuti di analisi. La parte competitiva è costituita dalla gara ufficia- le tra le scuole e dalla gara del pubblico.

Nella gara ufficiale ogni scuola porta un team composta da 7 elementi. Nella gara del pubblico chiunque può partecipare.

Mathstage

Le eccellenze di ogni scuola sono riunite tra maggio ed inizio giugno a Bardonecchia per lo stage organizzato dall’Associazione Subalpina Mathesis. I ragazzi affrontano argomenti solitamente non trattati a scuola e, in gruppi omogenei per classe, lavorano sulle dispense predisposte dagli insegnanti. Il lavoro, sempre di gruppo, è vario: si fanno calcoli, si legge, si guardano dei video, si costruiscono dei modelli, si misura, ecc. Ogni classe poi segue una conferenza tenuta da un professore universitario. Parallelamente a questo è prevista una gara di problemi proposta da ragazzi universitari.

Olimpiadi di Matematica – Giochi del Mediterraneo

I Giochi Matematici del Mediterraneo sono una competizione matematica organizzata dell’Accademia Italiana per la promozione delle Matematica, con sede Misilmeri, vicino a Palermo. La gara consiste nella risoluzione di prove costituite da problemi logico-matematici, di difficoltà proporzionata alle categorie di studenti, che corrispondono alle classi di appartenenza (dalla terza della scuola Primaria alla 2^ Secondaria di Secondo Grado). La gara si sviluppa in quattro momenti. La nostra scuola ha aderito a questa iniziativa: alla prima fase ha partecipato liberamente un gruppo di allievi del biennio dell’ITI e del Liceo. In funzione dei risultati ottenuti, un gruppo più ristretto ha avuto accesso alla seconda fase, denominata anche Finale d’Istituto. Queste due prime fasi si sono svolte presso la nostra scuola. I primi classificati delle classi prima e seconda, a loro volta, hanno gareggiato nella Finale di Area Regionale dove, anche quest’anno, una nostra allieva di seconda liceo si è classificata prima nella sua categoria e ha avuto accesso alla Finale Nazionale di Palermo, a cui ha partecipato ad aprile.

Ogni anno l’UMI (Unione Matematica Italiana) organizza le Olimpiadi di Matematica, una competizione matematica a livello nazionale che si suddivide nella gara di Istituto (Giochi di Archimede) a novembre, nella gara Provinciale a febbraio e nella Finale di Cesenatico a maggio. Le tre fasi della competizione comportano la risoluzione da parte dei singoli allievi di problemi di difficoltà diversa a seconda della classe frequentata e della fase delle Olimpiadi. La nostra scuola ha aderito a questa iniziativa e, un gruppo consistente di studenti, dalla prima alla quinta ITI e Liceo, ha scelto liberamente di partecipare ai Giochi di Archimede a novembre 2017. Di questi allievi, i primi quattro classificati, due del biennio e due del triennio, hanno partecipato a febbraio 2018 alla gara Provinciale presso il Politecnico di Torino. Inoltre ai primi di febbraio 2018 si è svolta, all’interno delle selezioni delle Olimpiadi della Matematica, una gara dedicata agli studenti delle classi prime, al fine di dare loro una ulteriore possibilità di qualificarsi per la gara Provinciale. A gennaio 2018 è stata anche organizzata, sempre dall’UMI, una gara femminile a squadre a cui la nostra scuola ha aderito, partecipando con una squadra di sette ragazze, che si è classificata decima su quaranta squadre partecipanti.

Olimpiadi di Matematica – Giochi di Archimede

First Lego League

L’Istituto Agnelli partecipa alla FIRST LEGO LEAGUE, una sfida mondiale a qualificazioni successive (nel senso che è opportuno superare differenti fasi di qualificazione) di scienza e robotica tra squadre di ragazzi e ragazze tra 9 e 16 anni. La nostra scuola concorre con squadre di ragazzi della scuola secondaria di primo grado e con una squadra del biennio della scuola secondaria di secondo grado.

Le squadre che partecipano alla competizione devono progettare, costruire e programmare robot autonomi, utilizzando esclusivamente prodotti della LEGO, applicando le scelte a problemi reali di grande interesse generale, ecologico, economico, sociale, per cercare soluzioni innovative. La manifestazione richiede ai suoi partecipanti di effettuare una ricerca con tutti i criteri caratteristici del protocollo scientifico su una problematica attuale.

Oltre ad appassionarsi alla scienza divertendosi, i ragazzi acquisiscono conoscenze e competenze utili al loro futuro lavorativo e imparano materie curricolari (come ad esempio: le scienze, la matematica e l’informatica) lavorando con metodologie didattiche differenti e imparando mediante il problem solving.

Attualmente sono coinvolte 88 nazioni distribuite sui 5 continenti, le qualificazioni partono dalla fase regionale per proseguire in quella nazionale, che fornisce l’accesso alle manifestazioni internazionali continentali e mondiali.

Welcome to Automation

Anche nel 2018 l’Istituto Agnelli ha presenziato al concorso nazionale “Welcome to Automation” promosso dalla Balluff. I progetti presentati dai ragazzi e dalle ragazze della III e IV elettronica, coadiuvati da alcune ragazze della 3 Liceo A, sono stati diversi, ma tutti orientati al futuro: l’Internet delle Cose; infatti si è partiti dalla Serra 4.0, passando per un innovativo sistema di gestione degli incendi, oppure gestendo un ospedale 4.0  in maniera automatizzata, fino ad arrivare ad una dispensa 4.0 completamente autonoma e gestibile da App Android. Esperienze interessanti per i ragazzi, che dalla fase eliminatoria di Bologna, sono arrivati, con il progetto “Dispensa 4.0”, alla fase finale tenutasi alla fiera internazionale SPS di Parma. Internet delle cose… o cose di Internet? Ai posteri l’ardua sentenza!

In Pole Position per la Ferrari

Nel primo anno del  Concorso “In Pole Position per la Ferrari”

dedicato ai percorsi di Alternanza Scuola e Lavoro

L’I.T.I. Agnelli conquista il podio con due progetti:

1° classificato: Smart Bus Shelter    2° classificato: Train Bearing Unit

Anche quest’anno l’Unione Industriale di Torino e CORFUI hanno indetto congiuntamente il Bando di Concorso “In Pole Position per la Ferrari”, giunto alla sua quattordicesima edizione in quest’anno scolastico 2017/18. Il Bando indicava alcune aree tematiche di tipo tecnico, nell’ambito delle quali gli studenti hanno dovuto svolgere i loro lavori, organizzandosi in gruppi di non più di quattro persone: i progetti dovevano essere illustrati attraverso una relazione tecnica, corredata da disegni o altri elaborati, e da una presentazione multimediale.

L’Istituto Tecnico Industriale Edoardo Agnelli di Torino ha preso parte, come di consueto, al concorso presentando ben cinque diversi lavori classificatisi al primo, secondo, quinto, sesto e settimo posto.

Si tratta del risultato di ben tre anni di percorso di Alternanza Scuola e Lavoro in cui l’Istituto Agnelli ha sottoscritto ben più di sessanta convenzioni con Aziende e Poli Universitari del territorio e non solo: proprio in questa settimana la scuola è stata contattata per far parte della rete inter regionale fra istituzioni scolastiche statali  per lo sviluppo di progetti ed attività didattiche di comune interesse.

Il progetto vincente: pensando ad una smart city

Il Progetto Smart Bus Shelter (S.B.S.), prevede lo sviluppo di un insieme di tecnologie, software e hardware, interagibili fra loro, finalizzate alla realizzazione di una pensilina “intelligente”, che aiuti nella sua mobilità quotidiana un non-vedente o un ipovedente. La pensilina potenzia la sua funzione primaria e diventa assimilabile ad un computer in cui convergono e vengono smistate informazioni di diversa natura: dati personali, orari, percorsi, prenotazioni ed altro. Alla base vi è un innovativo sistema di gestione dell’utenza basato sui TAG RFID: ogni utente ha la possibilità di registrarsi ad un determinato server con un link: http://www.spweb.org/bus/ in modo da poter indicare alla piattaforma la propria situazione.

Il secondo gradino del podio: un banco test per i cuscinetti

Il progetto classificatosi al secondo posto, “ Train Bearing Unit ”, ha visto impegnati due ragazzi della quinta meccatronica nella progettazione di un banco prova per cuscinetti ferroviari, su commissione della SKF di Moncalieri. Per la fase progettuale sono state utilizzate tecnologie e metodologie di simulazione avanzata in campo non lineare, tramite la paittaforma CAD – CAE di ABACUS e CATIA, di cui il nostro istituto è fornito grazie alla collaborazione con le aziende CAE Technologies Srl e la S.R.S. Engineering Design Srl.

Tecnicamente

Lunedì 21 maggio 2018 nel laboratorio di Meccatronica dell’Istituto Agnelli si è tenuta la manifestazione “TecnicaMente 2018”. L’evento è stato organizzato dall’Istituto Agnelli congiuntamente con l’agenzia per il lavoro ADECCO. Un gruppo di aziende, selezionate da ADECCO, ha visionato i progetti che i ragazzi delle classi V Elettroniche e Meccatroniche hanno preparato durante l’anno scolastico in vista dell’Esame di Stato. I rappresentanti delle aziende invitate sono rimasti favorevolmente impressionati dal livello tecnico dei lavori presentati dai futuri periti elettronici e meccatronici. L’evento ha permesso all’istituto di attivare contatti positivi per eventuali sviluppi relativi all’Alternanza Scuola Lavoro e per gli studenti ha rappresentato un’importante opportunità per eventuali futuri colloqui lavorativi.

Fast – I Giovani e le Scienze

Come sarebbe bello avere il proprio fisioterapista personale e tascabile! Proprio questo il progetto che ha visto protagonisti Michele Galliano e Gioele Minati, ragazzi della IV Elettronica. I ragazzi hanno creato un’applicazione per smartphone in grado di fungere da “fisioterapista tascabile” attraverso l’analisi del segnale elettromiografico in modo da studiare l’utilizzo e lo stress dei muscoli, Il tutto per ridurre i problemi muscoloscheletrici, in particolare quelli legati al lavoro. La brillante idea, superata la selezione del concorso Nazionale “I Giovani e le Scienze 2018” organizzato dall’associazione FAST su incarico della Direzione generale Ricerca della Commissione Europea, ha permesso ai nostri studenti di partecipare ad una successiva manifestazione internazionale che si è tenuta dal 4 all’8 giugno in Turchia, e qui il nostro Michele Galliano si è aggiudicato la medaglia d’oroI  I Giovani e le Scienze è inserito nel programma “Io merito” per l’individuazione e la valorizzazione delle eccellenze promosso dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca).

A&T – Affidabilità e Tecnologia

Anche  quest’anno il nostro Istituto ha partecipato con successo al concorso  PREMIO INNNOVAZIONE 4.0, che si tiene ogni anno all’interno della Fiera A&T presso l’OVal di Torino Lingotto dal 18 al 20 Aprile.  La nostra IV Elettronica ha vinto il 2° Premio della sezione SCUOLE, con il progetto “Esperienza di telepresenza in ambiente remoto mediante Realtà Virtuale – Virtual Presence”. In collaborazione con l’Unione Industriale Torino, era presente alla fiera uno stand della nostra scuola dove, oltre al progetto vincente è stato presentato anche un altro progetto (“Serra 4.0”).

Festival dell’Innovazione e della Scienza

La quarta edizione del Festival dell’Innovazione e della Scienza della città di Settimo Torinese si è presentata come un affascinante viaggio nel mondo della robotica alla scoperta delle tecnologie più innovative di oggi e di domani ed ha proposto più di uno spunto per riflettere su come la robotica e l’automazione abbiano inciso nel nostro quotidiano, cinema, letteratura, linguaggi dell’arte inclusi.

La giornata conclusiva è stata dedicata al mondo della scuola con oltre 30 Istituti Superiori che, nei locali della Biblioteca Archimede di Settimo, hanno esposto i propri progetti innovativi dedicati alla robotica valutati da una giuria: l’Agnelli era presente ed è stata premiata dalla giuria tecnica della COMOLI – FERRARI & C Spa per i suoi quattro progetti. Grazie a questo premio la scuola potrà potenziare i suoi laboratori di elettronica e di meccatronica con ben 6 training pack SIEMENS LOGO 8.

Olimpiadi della Robotica

Quest’anno per la prima volta il nostro Istituto ha partecipato alle “Olimpiadi della Robotica” tenutesi a Milano da lunedì 21 maggio a mercoledì 23 presso la prestigiosa sede del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” organizzate direttamente dal MIUR, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. I nostri ragazzi della IV Elettronica hanno presentato davanti ad una prestigiosa giuria il loro progetto “Robot User Friendly Interface”, riscontrando interesse e curiosità. L’esperienza è stata resa ancora più interessante dal fatto che sia gli studenti si i docenti (proventi da oltre trenta scuole di tutta Italia) hanno dormito e mangiato insieme presso strutture militari messe a disposizione dal Ministero della difesa.

PLM-CAM

All’Istituto Tecnico Agnelli sono stati creati dei nuovi percorsi formativi che consentono di vincere le sfide della rivoluzione digitale Industy 4.0 e rispondere ai fabbisogni delle imprese, in cerca di profili tecnici altamente qualificati e non facilmente reperibili. Durante l’anno scolastico 2017/18 è stato introdotto il corso PLM (Product Lifecycle Management – gestione di vita del prodotto), basato sulla soluzione software CATIA V5, lo strumento più utilizzato in tutte le aziende di ogni settore e di qualsiasi livello di fornitura. Nel corso di studio è stata data una particolare importanza alle funzioni CAD (Computer Aided Design), che consentono, oltre al classico disegno bidimensionale, di operare su volumi e superfici, al fine di elaborare modelli tridimensionali 3D consentendo il loro calcolo strutturale (CAE Computer Aided Engineering), la ri-progettazione, l’integrazione simultanea di sistemi elettrici, idraulici e meccanici, e ottimizzando contemporaneamente la disposizione nello spazio e la loro movimentazione (DMU Digital MockUp).

Il percorso di studi si è concretizzato nella realizzazione fisica delle parti progettate al CAD tramite le applicazioni CAM Computer Aided Manufacturing sulla macchina a Controllo Numerico ed il loro controllo di Qualità dimensionale per mezzo della macchina di Misura digitale. Ed è proprio questa la novità che viene offerta agli studenti: non avere soltanto le competenze CAD ma essere protagonisti del PLM per ridurre le complessità nello sviluppo del prodotto attraverso l’integrazione di funzioni aziendali come l’ingegneria, la simulazione, la fabbricazione e il controllo della qualità.

Quali  i risultati? Gli studenti della 4 ITI Meccatronica stanno completando il corso PLM. Hanno le competenze per poter progettare in modo autonomo degli elementi 3D ed alcuni hanno iniziato un percorso di Alternanza Scuola Lavoro in ambito design Formula 1. Gli studenti della 5 ITI Meccatronica hanno completato il corso ed alcuni hanno sviluppato il progetto realizzato in ASL con l’ausilio delle funzioni CATIAV5 molto apprezzato nei contesti in cui è stato presentato. Al termine di questo nuovo corso, alcune importanti imprese hanno già manifestato un particolare interesse per l’inserimento dei neo diplomati nei loro settori di Ricerca&Sviluppo.

Quali le previsioni per il futuro? Nei prossimi percorsi di studio, oltre alle competenze CAD/CAE/DMU/CAM, gli studenti sapranno realizzare e intervenire in remoto, interpretare le informazioni di funzionamento degli impianti per prevenire i guasti e utilizzare tecnologie di realtà aumentata, approfondire   le tecniche di additive manufacturing ed imparare a gestire i progetti (project management). Il nostro obiettivo è presentare sul mercato dei “professionisti unici” con forte propensione alla tecnologia e con conoscenze e abilità connesse al sapere digitale. I diplomati dell’Istituto Tecnico Edoardo Agnelli indirizzo Meccatronico, grazie alle loro trasversalità e alle competenze apprese negli anni di studio, avranno delle capacità superiori alla media e potranno meglio affrontare gli studi Universitari oppure farsi apprezzare nel mondo del lavoro in qualsiasi ambito di un’azienda manifatturiera.

Quali le considerazioni finali? Per sfruttare al meglio il reale potenziale insito nell’ industry4.0, le imprese non dovranno solo adottare nuove tecnologie, ma trasformare i processi interni ed intervenire sulle competenze delle Risorse Umane inserendo nuove figure “native digitali” con un profilo tecnico molto elevato per poter utilizzare i nuovi strumenti in maniera opportuna. Questo nuovo corso non ha fornito le sole competenze CAD, disponibili in molti altri corsi di studio, ma ha formato dei tecnici PLM, capaci di intervenire nella progettazione, nel calcolo strutturale, nella realizzazione fisica e nel controllo dimensionale, dei veri protagonisti che sapranno sviluppare ulteriormente il settore industriale della Meccatronica e rafforzare la Tecnologia “Made in Italy” nel mondo.

Negli ultimi anni, l’utilizzo dei dispositivi, mobili ha superato quello dei PC, sia in contesti lavorativi che ludici. Di conseguenza, la capacità di sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili (App) è sempre più richiesta, sia da aziende pubbliche che private. Il nostro Istituto offre un corso di programmazione e sviluppo App basate su Android, il sistema operativo “made in Google” più utilizzato al mondo. Lo scopo del corso è quello di fornire strumenti e riferimenti utili allo sviluppo della struttura e dell’interfaccia utente di un’applicazione, illustrando i principi base e le linee guida nella progettazione di interfacce grafiche. In questo modo, seguendo l’approccio learning by doing (imparare facendo), vengono fornite le basi del linguaggio di programmazione Android (Java), e della programmazione ad oggetti. Il corso prevede, a seguito del superamento di un esame finale, il rilascio di un attestato ufficiale da parte dell’azienda torinese OT Bioelettronica, attiva nello sviluppo di applicazioni medicali per dispositivi mobili. L’esame prevede una prova teorica legata all’informatica di base con esercizi di logica e una prova pratica che prevede lo sviluppo di un’App vera e propria.

Corso APP Android