Progetto Orientamento Formativo

L’istituto Agnelli aderisce al progetto di Orientamento Formativo del Politecnico di Torino. Si tratta di un progetto che ha come obiettivo fornire strumenti utili per una scelta consapevole del percorso universitario.

Esso si articola in due fasi: la prima consiste in una mattina di lezioni al Politecnico, di Matematica e di Fisica. E’ una lezione riguardante contenuti già noti per uno studente di quinta superiore (Iti o Liceo), ma nella cornice di un’aula universitaria, e tenuta da docenti universitari.

La seconda fase consiste in una serie di pomeriggi  di lezioni  (4 di Matematica e 4 di Fisica) , svolte dai docenti della scuola, in cui vengono ripresi e rielaborati i temi introdotti nella mattinata al Politecnico.  Al termine del percorso è previsto il test (che si aggiunge a quelli pubblici offerti dal Politecnico) che, se superato, permette l’ingresso alla facoltà prescelta di Ingegneria, o di Architettura.

Negli ultimi anni l’utilizzo dei dispositivi mobili ha superato quello dei PC sia in contesti lavorativi che ludici. Di conseguenza, la capacità di sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili (App) è sempre più richiesta sia da aziende pubbliche che private.

Il nostro Istituto offre un corso di programmazione e sviluppo App basato su Android, il sistema operativo “made in Google” più utilizzato al mondo.

Lo scopo del corso è quello di fornire strumenti e riferimenti utili allo sviluppo della struttura e dell’interfaccia utente di un’applicazione, illustrando i principi base e le linee guida nella progettazione di interfacce grafiche. In questo modo, seguendo l’approccio learning by doing (imparare facendo), vengono fornite le basi del linguaggio di programmazione Android (Java), e della programmazione ad oggetti. Il corso prevede, a seguito del superamento di un esame finale, il rilascio di un attestato ufficiale da parte di un’azienda Torinese attiva nello sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili.

Corso APP-Android

Corso di PLM-CATIA

Grazie all’utilizzo effettivo della nota e diffusa soluzione della Dassault Systèmes particolarmente apprezzata nel mondo industriale, il software CATIA aiuta gli studenti a comprendere meglio la tecnologia PLM (Product Lifecycle Management) e consente loro di aumentare le competenze spendibili sul mercato, mentre si preparano ad entrare nel mondo del lavoro come progettisti, responsabili di divisioni aziendali, addetti alla supervisione del ciclo di vita dei prodotti creati. Qualsiasi tipologia di industria (automobilistica, aeronautica, meccanica, robotica) sta diventando sempre più competitiva, innovativa e particolarmente attenta al progresso; con questo corso gli studenti raggiungeranno un’adeguata formazione e saranno i pochi a poter collaborare con le aziende più innovative e competitive, oppure potranno affrontare gli studi universitari con delle competenze uniche per entrare nel mondo del design e della ricerca ingegneristica.

La patente europea del Computer, in sigla ECDL (European Computer Driving Licence), è un certificato che attesta la conoscenza degli strumenti informatici di base. E’ un’iniziativa sostenuta dall’Unione Europea ed è stata riconosciuta dalle pubbliche amministrazioni di molti Stati membri.

Per ottenere l’ECDL è necessario superare sette esami, che vertono su diversi argomenti: sia di carattere teorico, sui concetti base della tecnologia dell’informazione, sia di carattere pratico, sulle applicazioni di uso più frequente.

Tali esami devono essere sostenuti presso un Test Center accreditato AICA (Associazione italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico) e solo se si è in possesso di una Skill Card.

L’Istituto Agnelli da 15 anni è Test Center accreditato AICA, quindi  è autorizzato a rilasciare le Skill Cards, e presso la nostra sede è possibile sostenere tutti e sette gli esami necessari per il conseguimento dell’attestato FULL ECDL STANDARD.

ECDL

Corso di Francese – Tedesco – Spagnolo

All’Agnelli potenziamo le altre lingue straniere con attività extracurricolari pomeridiane, strutturate su due corsi biennali. Le lingue possibili sono tre (francese, tedesco, spagnolo) e i corsi sono finalizzati al conseguimento di  certificazioni alla fine del primo biennio e alla fine del secondo biennio, secondo il seguente schema:

FRANCESE TEDESCO SPAGNOLO
Primo biennio DELF B1 Zertifikat B1 DELE B1
Secondo biennio DELF B2 Zertifikat B2 DELE B2

Gli incontri sono settimanali e durano da ottobre a maggio. L’insegnante lavorerà sui due anni per potenziare le 4 abilità richieste per poter sostenere gli esami – listening, speaking, writing, reading. Solo alla fine di ogni biennio lo studente potrà accedere alle certificazioni indicate.

Corso di Conversation con madrelingua inglese

Nel corso dell’anno la scuola organizza tre moduli di conversazione con un docente madrelingua, ognuno di 10 incontri da 2 ore. I gruppi, omogenei secondo il livello dei ragazzi, prevedono un numero di partecipanti non superiore a 10 per permettere a ogni studente di potersi esprimere in lingua sfruttando al meglio tutte le ore di lezione.

I tre moduli sono suddivisi tra il primo e il secondo pentamestre ed è possibile partecipare a tutti gli incontri oppure decidere di frequentare solo uno dei moduli, a seconda delle esigenze del ragazzo e della famiglia.

Conversare con un madrelingua sviluppa le abilità di speaking e listening richieste per poter accedere alle certificazioni Cambridge, e offre l’opportunità di migliorare il proprio livello di competenze linguistiche.

Corsi di inglese per le certificazioni PET/FIRST/ADVANCED

Da ormai diversi anni l’Agnelli è sede riconosciuta dalla Cambridge University per le certificazioni KET, PET, FIRST e ADVANCED.

Il dipartimento di inglese ha scelto di potenziare lo studio della lingua per permettere ai nostri ragazzi di essere maggiormente competitivi sul lavoro e all’università. Gli esami sono, infatti, riconosciuti da molte sedi universitarie e hanno un valore internazionale.

La preparazione alla certificazione PET – livello B1 –  viene svolta al mattino durante l’orario curricolare. L’insegnante di cattedra e un docente madrelingua lavorano 4 ore a settimana affinché gli studenti possano sostenere l’esame alla fine del primo biennio.

In terza e quarta liceo, accanto allo studio della letteratura, vengono proposte attività di lingua volte alla preparazione FIRST – livello B2 – e ADVANCED – livello C1.
E’ inoltre possibile seguire dei corsi pomeridiani di pari livello tenuti dai docenti della stessa scuola al fine di potenziare ulteriormente le proprie capacità linguistiche.

Vacanze studio all’estero

Due settimane studio in un paese anglofono. Dal lunedì al venerdì, al mattino si svolgono tre diverse sessioni di lezione: i ragazzi vengono divisi in classi internazionali basate sul loro livello, con la possibilità di approfondire tematiche scientifiche e teatrali. Al pomeriggio e alla sera vengono offerte varie e divertenti attività: canottaggio, cacce al tesoro, visite nei musei, sport nei parchi, serate musicali… Gli studenti sono ospitati in famiglie per respirare ancora di più l’atmosfera e la cultura british.

Stage lavorativi all’estero

L’esperienza  si svolge per tutto il mese di luglio e coinvolge le classi terze e quarte Liceo e Iti. Intende offrire la possibilità di trascorrere un periodo di tempo all’estero in cui seguire un corso di lingua intensivo, fare esperienza lavorativa in campo internazionale e conoscere da vicino una realtà straniera..
Dal lunedì al venerdì i ragazzi e le ragazze possono disporre di alcuni momenti di autonomia, concordati con il docente accompagnatore, in concomitanza con le pause dalle lezioni e partecipando a attività serali organizzate dall’istituto che li ospita.
Durante il week end sono invece previste uscite plenarie.

Corso di Basket

Corso di pallacanestro con frequenza  settimanale volto alla conoscenza delle basi che contraddistinguono la disciplina sportiva.
si affrontano esercitazioni e giochi rivolti ad assimilare contenuti tecnico-tattici in visione di incontri amichevoli con squadre di pari abilità.

Corso di Rugby

Gestire ciò che è irregolare. Innanzitutto la scelta di una palla ovale. Quale pazzo scatenato può aver deciso di adottare un simile strumento di gioco? C’è qualcosa di più imponderabile del rimbalzo sul terreno di una palla da rugby? Probabilmente no. E questa antica e nobile disciplina sportiva coltiva con gelosia questa sua attitudine all’imponderabile. Pensate: il calcio vuole palloni sferici e campi da gioco in perfette condizioni per evitare qualsiasi potenziale “irregolarità”, per potersi concentrare sull’aspetto tecnico. Il tennis in terra battuta e, comunque, cambia addirittura palline ogni 7 games per evitare che le stesse, sgonfie, abbiano rimbalzi non regolari. Il rugby no. Il rugby è geloso della sua imprevedibilità. Tutta la vita del rugbista è tesa ad allenarsi per fronteggiare tale imponderabilità! Per fare in modo che l’irregolarità diventi normalità. E già questo appare un messaggio rivoluzionario.