Lettera del lunedì – 21 maggio

By
 In iti, liceo

PAZIENZA 

“ Fermo su di una foglia, il bruco guardava lontano: chi saltava, chi cantava, chi correva, chi volava; tutti gli insetti erano in continuo movimento. Lui solo, poveretto, era senza voce, non correva e non volava. Eppure non invidiava nessuno. Sapeva di essere un bruco, e che i bruchi devono imparare a filare una bava sottilissima per tessere la loro casa. A ognuno il suo destino! pensava. Perciò, con molto impegno, intraprese il suo lavoro. In breve si trovò rinchiuso in un tiepido bozzolo di seta, isolato dal resto del mondo. E ora, si chiese, cosa avverrà? Ora sta quieto ed aspetta, gli rispose una voce. Ancora un po’ di pazienza e vedrai… E al momento giusto, il bruco si destò, e non era più bruco. Uscì fuori dal bozzolo con due ali bellissime, dipinte di vivi colori, e subito si levò alto nel cielo” (Leonardo Da Vinci).

“L’amicizia è il fiore di un momento e il frutto del tempo” sentenzia un proverbio africano.

Le cose importanti della vita, per crescere e maturare, hanno bisogno di tempo. Dare tempo al tempo è la pazienza. Il contrario è la fretta: “ Non è tirando su lo stelo che si fa crescere il grano in fretta, bisogna saper pazientare con amore” (A. Pierre).

L’amicizia non un prodotto meccanico; l’amicizia non la ‘si fa’ come per un oggetto qualsiasi; l’amicizia è opera di creazione: si tratta di dare vita ad una relazione particolare che non è pianificabile, non è programmabile al computer, non è producibile su di una catena di montaggio.

“La pazienza è ciò che nell’uomo più somiglia al procedimento che la natura usa per le sue creazioni” (Balzac).

La Bibbia racconta che Dio impiegò sette giorni per creare il mondo; nella cultura antica il numero sette indica la pienezza, la perfezione; quasi si volesse dire: tutto il tempo che è necessario!

Chi ha fretta cade nella illusione: si illude di aver creato qualcosa di vero, di profondo, di durevole, qualcosa, insomma, che lo possa appagare fino in fondo; ed invece ha dato vita a qualcosa di momentaneo, di passeggero, di superficiale; qualcosa che, alla fine dei conti, non appaga e delude. E chi accumula delusioni brucia la fiducia e spegne le energie; rischia di non credere più alle cose importanti e di abbandonarsi all’inerzia!

La conoscenza dell’altro esige pazienza; così la comprensione, la intesa, la comunicazione, la affinità, la solidarietà… Sono atteggiamenti che non si costruiscono dalla sera al mattino; conquista chi sa perseverare nell’intento senza cedere alla fretta ve senza scoraggiarsi. Perché la pazienza è parente stretta della speranza: che è la capacità di credere anche quando si vede poco o niente di quello che ci si attende.

Pazienza e speranza sono, dunque, virtù della persona forte e non di quella debole, sono segno di valore e non di debolezza.

Sai resistere alle difficoltà che incontri nelle relazioni? Sai riprendere l’impegno anche dopo qualche delusione? Sai perseverare quando non tutto fila liscio come vorresti? Sai attendere quando i momenti non sono maturi per qualche ulteriore passo in avanti? Fa parte del tuo vocabolario la parola ‘fedeltà’? Ed è un amore che sa durare dando tempo al tempo perché creare abbisogna di tempo?

O salti da una relazione all’altra, abbandoni con facilità un’amicizia per un’altra, vai a caccia solo di quelle che ti gratificano sul momento, ti impegni solo se i risultati sono immediati?

E magari stronchi sul nascere qualcosa che sarebbe potuto diventare grande e bello, vero e profondo, creativo e gioioso!

Per non avere saputo pazientare e, magari, penare un po’!

Pensa a come si comporta Dio nei tuoi riguardi. Non perde mai la pazienza, non perde mai la fiducia, non perde mai la speranza; Dio non ti molla mai, tanto ti vuole bene. Disposto ad aspettare anche tutta una vita, disposto a vedersi messo da parte e magari respinto; ma sempre disponibile, sempre all’erta, sempre pronto a ristabilire i contatti, a riannodare l’amicizia, a donare vita!  Basta un minimo cenno…

Una delle caratteristiche di Dio più esaltate dalla Bibbia è proprio quella della sua fedeltà. Dio è fedele all’uomo: da sempre e per sempre. Per questo Dio è paziente.

Con una variante rispetto alla favola di Da Vinci: quand’anche il bruco, per impazienza o stoltezza rompesse l’involucro di seta condannandosi così a morire prematuramente senza poter più diventare farfalla, Dio è talmente fedele (talmente innamorato dell’uomo) che ricostruisce per te e con te il bozzolo dentro il quale stai nascendo allo splendore della tua vera identità. Perché la fedeltà di Dio non è, come quella degli uomini, limitata; la sua fedeltà è infinita ed onnipotente. Imparassimo da Dio a costruire le cose grandi che riguardano noi stessi… Sapessimo creare tutto questo in cooperazione con Dio: che è il desiderio suo; che sarebbe la nostra più grande furbizia!

Buona settimana a tutti.

Il vostro Direttore, Don Gianfranco Ferrari

 Vi segnalo gli appuntamenti di questa settimana

Lun – Mart 22 e 23: due studenti di IV elettronica partecipano alla fase finale del Concorso Nazionale di Robotica indetto dal Miur.

Gv 24 maggio: Festa di Maria Ausiliatrice – ore 20.00  ritrovo a Valdocco Finale concorso Balluff – III elettronica a Parma

  • Lunedì 21 maggio

ore 8.00 – 8.15 Aula Magna: breve momento di formazione comune per il Biennio

ore 8.00 – 13.00 III ITI: chiusura percorso ASL con FCA – visita allo stabilimento di Mirafiori (porta 19 di C.so Settembrini)

ore 14.45 – 16.15 Lab delle Idee: corso di preparazione alla II prova d’Esame di Stato per le classi di V Liceo

ore 14.00 – 17.00 Lab di meccatronica: le classi V ITI mec/eln presentano i loro progetti alle aziende, grazie all’iniziativa di Adecco.

  • Martedì 22 maggio non c’è il rientro della III eln

 ore 8.00 – 8.55 Aula Magna: ora di informazione su Esame di Stato per le classi V

ore 8.00 – 13.00 III Liceo: chiusura percorso ASL con FCA – visita allo stabilimento di Mirafiori (porta 19 di C.so Settembrini)

ore 13.45 – 16.00 IV Liceo A:  chiusura  percorso  ASL  con  FCA – visita allo stabilimento di Mirafiori  (porta 16 di C.so Settembrini). Pausa pranzo durante la 6^ ora

  • Mercoledì 23 maggio        

ore 18.00  Consiglio della Scuola (presso la Biblioteca – aula di Arte )

  • Giovedì 24 maggio  Festa di Maria Ausiliatrice  (ore 20.00 a Valdocco)

8.00 – 14.00  Simulazione seconda prova dell’Esame di Stato per la V eln

10.00 – 16.00 Simulazione seconda prova dell’Esame di Stato per la V mec 

MGS sia per il Biennio sia per il Triennio

Tutto il giorno III ITI sez eln: presenza della classe al concorso della Balluff a Parma 

  • Sabato 26 maggio messa di fine anno scolastico

ore 10.30 ritrovo a VALDOCCO nel secondo cortile 

Torino, 20 maggio  2018

Recent Posts