Lettera del lunedì – 12 febbraio

By
 In iti, liceo

QUARESIMA

Una volta un anziano professore della Scuola Nazionale per la Pubblica Amministrazione venne contattato per  tenere una lezione di formazione sulla “pianificazione efficace del tempo” ad un gruppo di una quindicina di dirigenti di importanti aziende americane. Il corso faceva parte di una delle cinque sessioni della loro giornata di formazione, e il professore aveva a disposizione solamente un’ora “per fare lezione”. In piedi, davanti a questo (gruppo d’élite pronto a prendere appunti su tutto ciò che l’esperto stava per insegnare), l’anziano professore li guardò ad uno ad uno, lentamente, e poi disse: “Adesso faremo un esperimento”.

Da sotto al tavolo che lo separava dagli allievi, il vecchio tirò fuori un grande recipiente di vetro da più di 4 litri, e lo posò delicatamente davanti a lui. Poi tirò fuori una dozzina di ciottoli grandi all’incirca come delle palle da tennis ed uno ad uno li mise delicatamente dentro il vaso. Quando questo fu riempito fino al bordo e fu impossibile aggiungere anche un solo sasso, alzò lentamente gli occhi verso i suoi allievi e domandò:

“Questo vaso è pieno?”  Sorridendo, tutti risposero “Sì”.

Attese qualche secondo e aggiunse: “Davvero?” Allora si chinò di nuovo e tirò fuori da sotto al tavolo un secondo contenitore, questa volta pieno di ghiaia. Con attenzione versò questa ghiaia sui grossi sassi e poi scosse leggermente il vaso. I pezzettini di ghiaia si infiltrarono tra i sassi … fino al fondo del recipiente. L’anziano professore alzò nuovamente lo sguardo verso il suo uditorio:  “Questo vaso è pieno?”

Questa volta i suoi brillanti allievi  cominciarono a comprendere il suo armeggiare. Uno di essi rispose: “Probabilmente no!”  “Bene” rispose l’anziano professore. Si piegò di nuovo e questa volta tirò fuori da sotto al tavolo un secchio di sabbia. Con delicatezza versò la sabbia nel vaso. La sabbia arrivò a riempire gli spazi tra i grossi ciottoli e la ghiaia. Ancora una volta domandò:  “Questo vaso è pieno?”

Questa volta, senza esitare ed in coro i suoi allievi risposero: “No”. “Bene!” soggiunse il vecchio professore. E, come ormai si aspettavano i suoi prestigiosi allievi prese la brocca dell’acqua che stava sul tavolo e riempi il vaso fino al bordo. L’anziano professore alzò allora gli occhi verso il gruppo e domandò: “Quale grande verità ci dimostra questo esperimento?”

Il più furbo, il più audace dei suoi allievi rispose: “Dimostra che anche quando si crede che la nostra agenda sia completamente piena, ci si possono  aggiungere altri appuntamenti altre cose da fare”.

“No”, rispose il vecchio professore “Non è questo. La grande verità che quest’esperimento ci dimostra è la seguente: se non si mettono per primi i sassi più grossi all’interno del vaso, non ci si potrà mettere tutto il resto in seguito”.

Ci fu un profondo silenzio, mentre ciascuno prendeva coscienza dell’evidenza di questa affermazione. L’anziano disse allora:  “Quali sono i sassi più grossi nella vostra vita? La vostra salute? La vostra famiglia? I vostri amici e le vostre amiche? Realizzare i vostri sogni? Fare  ciò che vi piace? Imparare? Difendere una causa? Essere rilassati? Darsi il tempo? O cose del tutto diverse?

Quello che dobbiamo ricordarci è l’importanza di mettere per primi nella propria vita i sassi più grossi, altrimenti si rischia di non riuscire a fare … la propria vita. Se si dà priorità alle  minuzie (la ghiaia, la sabbia) ci si riempirà la vita di inezie e non si avrà a sufficienza del tempo prezioso da consacrare alle cose importanti. Allora non dimenticate di porvi la domanda: “Quali sono i sassi più grossi nella mia vita” E poi metteteli per primi nel vostro vaso.”

Con un cenno amichevole della mano l’anziano professore salutò il suo uditorio e lentamente uscì dall’aula.

La Quaresima è un tempo per salvare il tempo. Perché obbliga a riflettere sulla provocatoria domanda del vecchio professore: “Quali sono le cose grosse che metti al fondo di te stesso così da poterti colmare di tutte le altre cose?”

Se non fai questa operazione avrai l’impressione di essere colmo mentre sei vuoto, perché colmo solo di inezie… Ma se metti i sassi grossi ( i valori fondanti) allora nel vaso della tua esistenza ci potranno stare tante altre cose perché quei sassi faranno da fondamenta ad un edificio spazioso e solido.

Si dice che la Quaresima è tempo di deserto. Ed è proprio così. Per la Bibbia il deserto è il luogo non della fuga da sé ma del ritrovamento di sé: sei costretto a lasciar cadere dalle mente, dalle mani e dal cuore tante stupidaggini; il deserto impoverisce e spoglia, quasi per un processo inevitabile. Ed è così che giungi a chiederti: “chi sono io realmente?” Il che significa “cosa valgo?” In altre parole: “quali sono le cose fondamentali nelle quali credo? Sono talmente vere e solide da reggere una esistenza, da arricchire la vita, da fondare una speranza?”

E se uno trova risposta a queste domande, allora esce dal deserto apparentemente vuoto, in realtà più ricco, disposto ad accogliere tutti i beni che la vita può offrire: per sé e per gli altri.

Il vecchio professore che provoca i suoi allievi… può essere Dio che ci provoca: “la grande verità è questa: se non si mettono prima i sassi più grossi all’interno del vaso non ci si può mettere tutto il resto…”

Buona settimana a tutti.

Il vostro Direttore, Don Gianfranco Ferrari

Vi segnalo gli appuntamenti di questa settimana:

Lunedì 12 febbraio: festa di Carnevale – NON ci sono le lezioni

  • Martedì 13 Febbraio

ore 8.00 – 8.15 Aula Magna: momento di formazione del Triennio

ore 8.15 – 9.30 Aula Magna: conferenza per le classi IV ITI e Liceo: relatore prof. Giambuzzi

ore 14.30 – 16.00 Lab delle Idee: ultimo incontro in preparazione al test del Politecnico (mate)

  • Mercoledì 14 Febbraio LE CENERI – inizio della Quaresima

ore 11.00 – 11.45 in Parrocchia: liturgia delle Ceneri in preparazione della Pasqua – TRIENNIO

ore 12.00 – 12.45 in Parrocchia: liturgia delle Ceneri in preparazione della Pasqua – BIENNIO

ore 15.00 – 16.30 IV Liceo A/B mostra di anatomia alla promotrice delle Belle Arti 

ore 14.40 – 16.00 MGS triennio

  • Giovedì 15 Febbraio

ore 8.00 – 16.30 Chiusura del percorso di ASL con il Museo di Arte contemporanea a Rivoli

ore 12.00 – 13.40 CLIL per le classi di 3 Lic A/B

ore 14.30 – 16.00 Lab di Scienze: per  le  classi  di  V Lic, corso di ripasso di chimica in preparazione ai test universitari: leggi dei gas – esercizi

ore 14.30 – 16.00 Aula Magna: per le classi di  IV e V ITI, corso di orientamento post diploma. Per chi non partecipa, rientro pomeridiano regolare.

  • Venerdì 16 Febbraio

ore 9.00 – 13.00 V mec: ASL con CNL

ore 10.00 – 13.40 IV lic B: conferenza sui vaccini al Campus Einaudi

ore 20.30 Aula MAGNA don Bosco: il prof. don Roberto Carelli – “Alfabeto familiare – Costruire legami solidi in una società liquida “ 

  • Sabato 17 Febbraio

ore 8.00 – 14.00 SIMULAZIONE ESAME DI STATO classi V Lic/ITI – IV ITI

pomeriggio presso  il  Castello  di  Rivoli,  a partire dalle ore 14.00 presentazione del percorso di ASL da parte degli studenti

Torino, 10 febbraio 2018

Recent Posts